Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VD: truffa milionaria contro Cassa disoccupazione cantonale (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

La Cassa cantonale di disoccupazione vodese (CCC nella sigla francese) è stata verosimilmente vittima di una grossa truffa, che potrebbe esserle costata diversi milioni di franchi.

Sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta che coinvolge una ventina di imprese edili, ha annunciato oggi il Ministero pubblico vodese in una nota. Sospetti pesano anche su due dipendenti amministrativi di Unia che sono stati immediatamente sospesi, precisa il sindacato.

Perquisizioni e fermi sono stati effettuati tra martedì e oggi in diversi cantoni. Secondo i primi elementi dell'inchiesta, "moltissimi lavoratori sarebbero stati dichiarati abusivamente alla CCC al fine di percepire indebitamente indennità in caso di insolvenza dopo il fallimento di un'impresa".

L'indagine è stata avviata circa un anno fa dalla divisione criminalità economica e dalla sezione finanziaria della Police de Sureté vodese.

Unia, tramite un comunicato, ha reso noto che l'inchiesta riguarda anche due suoi collaboratori. Il sindacato non dispone di informazioni più precise al momento. I due sono stati immediatamente sospesi e, se le accuse dovessero essere confermate, verranno licenziati con effetto immediato. "È nell'interesse di Unia che venga fatta luce rapidamente su queste accuse. Unia metterà a disposizione tutte le informazioni e coopererà con con le autorità", precisa la nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS