Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio di Stato vodese continuerà ad essere retto da una maggioranza di sinistra: gli elettori hanno attribuito oggi gli ultimi due seggi vacanti in governo alla Verde uscente Béatrice Métraux e alla consigliera nazionale socialista Cesla Amarelle.

È così fallito il tentativo della coalizione borghese allestita all'indomani del primo turno fra PLR, UDC e Verdi liberali, allo scopo di capovolgere la situazione.

I suoi candidati, i consiglieri nazionali UDC Jacques Nicolet e Verde liberale Isabelle Chevalley, hanno ottenuto rispettivamente 62'442 e 59'775 suffragi, contro 78'561 andati alla "ministra" uscente Béatrice Métraux e 69'006 alla socialista Cesla Amarelle.

Al primo turno, il 29 aprile scorso, erano già stati riconfermati gli uscenti Pascal Broulis (PLR), Pierre-Yves Maillard (PS), Jacqueline de Quattro (PLR), Philippe Leuba (PLR) e Nuria Gorrite (PS).

Appena noti i risultati del primo turno, il PLR e l'UDC hanno formato un'alleanza inedita con i Verdi liberali, nella speranza di riottenere la maggioranza in governo, persa dopo il decesso del consigliere di Stato democentrista Jean-Claude Mermoud nel settembre 2011.

Ma oggi gli elettori hanno preferito ricomporre un governo analogo al precedente, distintosi per la sua capacità a forgiare "compromessi dinamici" in diversi campi. Secondo Nicolet, l'elettorato di centro-destra non si è forse mobilitato in misura sufficiente, "ma lo ha fatto soltanto all'80%".

Malgrado il fallimento di quest'elezione, Isabelle Chevalley considera molto positiva la riattivazione della storica alleanza fra il centro-destra vodese. "Quest'alleanza sussisterà", ha assicurato.

Oltre ai quattro principali candidati ha ottenuto 15'255 suffragi l'indipendente Guillaume "Toto" Morand e 10'050 voti la candidata dell'Alliance du Centre Sylvie Villa. Al voto ha partecipato il 37,73% del corpo elettorale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS