Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la seconda volta il miliardario russo Viktor Vekselberg ottiene in Svizzera l'archiviazione di un procedimento penale nei confronti di una sua società grazie al versamento di un indennizzo. In quest'ultima occasione l'imprenditore ha versato 10'000 franchi per riparare una violazione della legge sulle borse. La notizia, pubblicata oggi dal domenicale "NZZ am Sonntag", è stata confermata all'ats dal Dipartimento federale delle finanze (DFF).

Il procedimento in questione riguarda una sospetta violazione dell'obbligo di comunicazione di cui si sarebbe resa colpevole la società di Vekselberg Lamesa Holding nella primavera 2011, nell'ambito della scalata al gruppo industriale OC Oerlikon.

Nell'autunno 2010 il miliardario russo e altri due investitori, avevano ottenuto l'archiviazione di un altro procedimento, avviato per la scalata alla Sulzer. In quell'occasione in contropartita i tre avevano accettato di versare al DFF complessivamente 10 milioni di franchi. Questa prassi è resa possibile dall'articolo 53 del Codice penale.

(atsi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS