Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un ragazzo di 17 anni è stato ucciso ieri durante una protesta dell'opposizione nello Stato venezuelano di Tachira, portando così ad almeno 46 il bilancio di morti dall'inizio delle manifestazioni contro il governo di Nicolas Maduro, a inizio aprile.

La notizia è stata confermata dall'Ombudsman nazionale, William Tarek Saab, dopo essere stata data da portavoce locali dell'opposizione, secondo i quali le vittime della giornata di ieri in realtà sarebbero due.

La vittima si chiamava Luis Alviarez ed è morta mentre partecipava ad una manifestazione a Palmira, una località nel comune di Guasimo. Nel dare notizia della sua uccisione, l'Ombudsman non ne ha indicato le circostanze, limitandosi a dire che si era messo in contatto con le autorità locali.

Da parte sua, Patricia Ceballos, sindaca di San Cristobal, la capitale di Tachira, ha scritto su Twitter che Alviarez è stato "assassinato da un agente della polizia nazionale", mentre un altro uomo, Diego Hermandez (33 anni) è stato ucciso dalla polizia nella località di Capacho Viejo.

Tutt'e due le vittime sarebbero state raggiunte da colpi di arma da fuoco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS