Navigation

Venezuela: arrestato regista Usa, secondo governo è una spia

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2013 - 21:23
(Keystone-ATS)

Polemiche in Venezuela a seguito dell'arresto di Tim Tracy, un regista americano di 35 anni accusato dal governo di aver finanziato i disordini avvenuti a Caracas tra il 14 e il 16 aprile, dopo le elezioni presidenziali vinte dal "chavista" Nicolas Maduro.

"Tim non fa parte di nessuna agenzia d'intelligence americana e non è neppure vicino ad esse", ha dichiarato Jesse Herman, compagno di università a Georgetown di Tracy, alla stampa Usa, subito ripreso dai media di Caracas.

Secondo il governo di Maduro, "a quanto pare Tracy era alla guida dell'operazione 'Connessione aprile' con giovani oppositori venezuelani, proprio per provocare episodi di violenza in Venezuela".

Il regista ha "un allenamento e addestramento caratteristico degli agenti dell'intelligence. Su questo non abbiamo dubbi", ha a sua volta precisato alla stampa il ministro per l'interno, la giustizia e la pace di Caracas, Miguel Rodriguez.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo