Navigation

Venezuela: governo interviene su imprese per frenare prezzi

Un poliziotto ispeziona un supermercato di Caracas, in Venezuela. KEYSTONE/EPA EFE/CRISTIAN HERNANDEZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2020 - 08:09
(Keystone-ATS)

Il governo del Venezuela, su disposizione del presidente Nicolas Maduro, ha annunciato oggi l'intervento in quattro imprese venezuelane del settore alimentare.

L'intervento si iscrive in un Piano per evitare la speculazione e l'aumento ingiustificato dei prezzi di beni essenziali per la popolazione.

In un discorso in televisione, la vicepresidente della repubblica esecutiva, Delcy Rodriguez, ha precisato che si tratta di due diverse misure previste da una legge sul controllo dei prezzi. La prima, ha spiegato, consiste in una "occupazione temporanea di 180 giorni, rinnovabili, che riguarda il consorzio di prodotti oleari Coposa, nello stato di Portuguesa. Si tratta, ha aggiunto, di "garantire la produzione, ma anche che si eviti in questo ambito ogni tentazione speculativa".

La seconda, definita 'vendita controllata', mira al rispetto dei prezzi concordati in determinati settori ed è stata decisa per altre tre imprese nazionali: Alimentos Polar (prodotti alimentari e alcolici), Plumrose (insaccati), e Matadero Turmero (carni).

Infine la responsabile chavista ha reso noto che il governo si è riunito con i vertici dell'Associazioni nazionale dei supermercati (Ansa) per la costituzione di un tavolo di lavoro per la definizione dei prezzi di 27 gamme di prodotti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.