Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Malgrado la repressione delle manifestazioni antigovernative, la violenza di piazza continua a dilagare in Venezuela.

Una sede del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) è stata incendiata ieri sera a Caracas, mentre nello stato di Vargas, sulla costa caraibica, una protesta per la scarsità di alimenti è degenerata in scontri con le forze dell'ordine, nei quali è morto un manifestante.

Nel quartiere di Chacao, ad est di Caracas, giovani a volto coperto hanno attaccato una sede amministrativa del Tsg, organismo nel mirino degli oppositori perché ha autorizzato la convocazione dell'Assemblea Costituente proposta dal presidente Nicolas Maduro e respinto il ricorso di incostituzionalità presentato contro l'iniziativa dalla Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz.

A La Guaira intanto, la capitale dello stato di Vargas, centinaia di manifestanti hanno inscenato una protesta davanti a una sede dei Comitati Locali di Rifornimento e Produzione (Clap), la struttura sotto controllo militare responsabile della distribuzione di alimenti a prezzo sussidiato.

La Guardia Nazionale è intervenuta per disperdere la manifestazione, e durante la repressione è morto un 50enne, asfissiato dai gas lacrimogeni, mentre almeno altre 10 persone sono rimaste ferite, fra le quali otto bambini fra i 3 e gli 8 anni, ricoverati con problemi respiratori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS