Navigation

Venezuela: Maduro accusa diplomatico Usa di complotto

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro. KEYSTONE/EPA EFE/YANDER ZAMORA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2019 - 07:23
(Keystone-ATS)

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha accusato apertamente James Story, incaricato d'affari americano per l'Ufficio esterno del Venezuela con sede a Bogotà, di partecipazione ad un presunto piano terroristico organizzato dall'opposizione venezuelana.

Stando a Maduro, il complotto prevedeva di attaccare due caserme di esercito e polizia nello Stato di Sucre.

Il capo dello Stato venezuelano ha assicurato che, operando dalla Colombia, Story avrebbe collaborato al piano del partito di opposizione Voluntad Popular e a organizzare altre azioni violente in sei Stati del Paese.

Maduro ha ribadito che dietro la "congiura" si trovano Leopoldo López, un leader dell'opposizione rifugiato nell'ambasciata della Spagna a Caracas, e il "suo subordinato" Juan Guaidò, autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela.

Il capo dello Stato ha infine detto che la Procura venezuelana ha spiccato gli ordini di cattura riguardanti i "membri di questa congiura sanguinosa", che coinvolge anche i deputati dell'opposizione Janet Fermín e Fernando Orozco, ma non Guaidò.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.