Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Uno degli uomini della scorta del presidente venezuelano Nicolas Maduro è stato ucciso ieri notte mentre circolava su un autostrada nei dintorni di Caracas, raggiunto da colpi di arma da fuoco che sarebbero partiti da un altro veicolo. La notizia è stata confermata da un comunicato della Procura nazionale.

Secondo la nota ufficiale il tenente Marco Antonio Cortez (29 anni) si trovava in un'automobile che circolava sull'autostrada Valle-Coche "quando gli avrebbero sparato da un altro veicolo in movimento". Il quotidiano El Universal sostiene che Cortez stava tornando a casa da una festa, in compagnia della moglie e la sorella, che non sono rimaste ferite.

Cortez lavorava da oltre cinque anni nell'equipe incaricata della sicurezza del presidente venezuelano, dove era arrivato ai tempi di Hugo Chavez, ed era stato confermato nel suo lavoro da Maduro dopo la sua elezione, nell'aprile del 2013.

L'uccisione di Cortez avviene una settimana dopo l'omicidio di Eliecer Otaiza, ex responsabile dell'intelligence durante il primo governo di Chavez. La stampa ha informato finora di questi due omicidi attribuendoli alla violenza criminale: il Venezuela è il secondo paese con il tasso più alto di morti violente nel mondo, secondo cifre Onu.

SDA-ATS