Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

No al Gripen, contro il quale verrà lanciato il referendum, no all'iniziativa UDC per sgravi fiscali alle famiglie e no anche all'aumento di prezzo della vignetta autostradale: sono le decisioni prese oggi dall'assemblea dei delegati del Partito dei verdi liberali (PVL), riunita a Muttenz (BL).

Al momento attuale comprare il velivolo da combattimento Gripen non è necessario nell'ottica della sicurezza ed è irragionevole dal profilo finanziario, ha affermato il consigliere nazionale Roland Fischer (LU). L'opinione del gruppo parlamentare è condivisa anche dalla base: l'assemblea ha dato il via libera alla raccolta delle firme con 64 voti contro 29 e 11 astensioni. I Verdi liberali hanno già fondato un comitato borghese, cui hanno aderito anche esponenti di altri partiti.

I delegati hanno anche preso posizione pure su due oggetti in votazione il 24 novembre. L'iniziativa democentrista volta a concedere deduzioni fiscali anche per i genitori che accudiscono personalmente i figli è stata affossata con 94 schede contro 4 e 8 astensioni. Se fosse accettata avrebbe come conseguenza che varrebbe ancora meno la pena, per i genitori, lavorare entrambi, ha fatto notare la deputata Kathrin Bertschy (BE). Comporterebbe inoltre mancati introiti fiscali che andrebbero poi a pesare di nuovo sul ceto medio.

Il partito raccomanda pure di votare no (con 89 voti contro 11 e 12 astensioni) al contrassegno autostradale a 100 franchi. L'aumento del prezzo della vignetta bloccherebbe la discussione sull'introduzione di un un sistema di pagamento della mobilità legato ai chilometri percorsi e metterebbe a disposizione finanziamenti per progetti che il PVL non sostiene, a partire da una seconda canna al San Gottardo, ha spiegato il presidente Martin Bäumle.

Per quanto riguarda l'iniziativa 1:12, il partito aveva già deciso la sua posizione - negativa - lo scorso maggio. I delegati hanno per contro approvato il decreto federale concernente il finanziamento e l'ampliamento dell'infrastruttura ferroviaria: il tema sarà sottoposto al popolo il 9 febbraio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS