Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dietrofront del vescovo di Coira Vitus Huonder.

In una lettera inviata ieri sera a circa 800 collaboratori della Diocesi, il prelato cattolico si è scusato "nei confronti delle persone di sensibilità omosessuale" che si sono sentite ferite dal discorso da lui pronunciato a Fulda (D) il 2 agosto scorso, in cui aveva citato versetti del Vecchio Testamento che condannano a morte i gay.

La lettera di tre pagine è indirizzata ai preti, ai diaconi e ai dipendenti della Diocesi di Coira, ed è dedicata esclusivamente al discorso da lui tenuto durante il forum cattolico in Germania.

Il vescovo Huonder, noto per le sue posizioni conservatrici, aveva in particolare citato il Levitico: "Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole. Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro".

In seguito a queste citazioni, contro il vescovo di Coira sono state presentate presso il Ministero pubblico grigionese due denunce: una da parte della Federazione svizzera dei gay (Pink Cross) e l'altra da un privato cittadino.

Nella sua missiva, dopo aver spiegato il senso dei suoi propositi, Huonder si è scusato nei confronti delle "persone di sensibilità omosessuale" e ha assicurato loro che la Chiesa non vuole escludere nessuno.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS