Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Vino: scoperta magia DNA dell'Amarone, segreto è appassimento

VERONA - Geni di beta amirina sintasi, strictosinidina, delta cadinene sintasi: non è il contenuto di una medicina, ma alcuni dei 415 geni che svelano i segreti dell'Amarone. Ci sono voluti tre anni e tutti i recenti progressi della ricerca sulle biotecnologie per permettere all'università di Verona di svelare il mistero dell'appassimento della bacca principe della Valpolicella: la Corvina. Si tratta di una novità assoluta: la Corvina è infatti il primo vitigno autoctono al mondo a cui è stato sequenziato il DNA.
La scoperta, presentata oggi a Verona, è la conferma scientifica di quanto viticoltori ed enologi intuiscono da decenni: il vitigno tipico della Valpolicella ha caratteristiche e proprietà del tutto particolari. Il business che vale un fatturato complessivo all'uscita dalla cantina di 100 milioni di euro e oltre 9 milioni di bottiglie vendute nel 2009, ha alle spalle una spiegazione scientifica sorprendente.
Massimo Delledonne e Mario Pezzotti, i due ricercatori del Centro di Genomica Funzionale dell'Università di Verona, hanno scoperto come la bacca di Corvina attivi dei geni unici proprio nella fase di appassimento. Dalle sequenze del DNA prelevate (quasi 60 milioni), l'università di Verona ha assemblato 479 geni fino ad oggi sconosciuti alla comunità scientifica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.