Navigation

Violenza negli stadi: Zurigo chiede tolleranza zero

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2011 - 18:34
(Keystone-ATS)

Zurigo e le sue due squadre di calcio hanno raggiunto un'intesa per chiedere che venga applicata la tolleranza zero per quanto riguarda l'uso di petardi e fuochi artificiali allo stadio del Letzigrund.

In caso di accensione di materiale pirotecnico, la partita va interrotta immediatamente, affermano i club zurighesi rivolgendosi alla Swiss Football League (SFL).

IL Grasshopper (GC) ha già presentato una richiesta in questo senso, indica in un comunicato la città di Zurigo, che rivendica una modifica dei regolamenti. Tutti i club della SFL hanno ricevuto copia della richiesta. Zurigo, proprietaria del Letzigrund, si era già pronunciata a favore di norme più restrittive all'indomani degli scontri che domenica avevano costretto l'arbitro ad interrompere il derby tra il GC e il FCZ.

Misure urgenti di sicurezza saranno peraltro attuate in occasione del prossimo match di Super League al Letzigrund, che opporrà la squadra dello Zurigo al Basilea. Le autorità comunali, per motivi tattici, non hanno voluto fornire precisazioni: all'interno dello stadio sarà comunque proibito coprirsi il volto.

Durante la pausa invernale all'interno dello stadio verranno intrapresi lavori di ristrutturazione con la posa di griglie per separare i settori dei fan club dal resto degli spettatori e per meglio proteggere giocatori ed arbitro. Anche il sistema di video sorveglianza sarà potenziato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.