Navigation

Virus Cina: diffusione può avvenire per via aerea e contatto

Secondo il pneumologo cinese Zhong Nanshan, qui in una foto del 2004, il contagio raggiungerà il suo picco entro una settimana o una decina di giorni. Keystone/AP CHINATOPIX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2020 - 17:33
(Keystone-ATS)

Il nuovo virus che sta causando un'epidemia in Cina si trasmette principalmente per via aerea ma anche tramite il contatto. Lo affermano le autorità sanitarie cinesi.

Questa informazione è stata rivelata in un piano sanitario per la diagnosi e il trattamento della polmonite causata dal nuovo coronavirus pubblicato oggi dalla Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Rispetto alla versione precedente, il piano aggiunge tre caratteristiche epidemiologiche del virus, affermando che la principale fonte di infezione al momento sono le persone a loro volta infettate dal virus.

Secondo le nuove indicazioni tutte le persone possono essere contagiate, compresi i bambini e i neonati. Se infettati, gli anziani e le persone con problemi di salute pregressi come diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari sono maggiormente inclini a manifestare sintomi più gravi.

Le autorità sanitarie cinesi hanno annunciato oggi che alla fine della giornata di ieri erano stati segnalati 4'515 casi confermati di polmonite causata dal nuovo coronavirus in 30 regioni a livello provinciale. Un totale di 106 persone sono decedute a causa della malattia.

Secondo il pneumologo cinese Zhong Nanshan, in prima linea nel 2003 nel contenimento dell'epidemia della Sars, "è molto difficile stimare in via definitiva quando un'epidemia raggiunge il proprio apice (...) ma penso che il contagio raggiungerà il suo picco entro una settimana o una decina di giorni e che in seguito non ci saranno aumenti su larga scala delle infezioni".

La medicina tradizionale cinese, in combinazione con la medicina occidentale, può svolgere un ruolo attivo nel trattamento dei pazienti affetti da polmonite causata dal nuovo coronavirus. "La medicina tradizionale cinese è utile per alleviare la febbre, contenere la progressione della malattia, ridurre il dosaggio dei corticosteroidi e ridurre le complicazioni", ha detto Zhang Boli, uno dei 14 membri del team di ricerca nazionale per la prevenzione e il controllo dell'epidemia.

Secondo Zhang la medicina tradizionale cinese mira a migliorare la capacità del corpo umano di combattere il virus e la sua efficacia è stata dimostrata con due pazienti a Pechino e diversi altri a Wuhan che si sono ripresi dopo aver ricevuto questo trattamento in combinazione con cure previste dalla medicina occidentale.

Intanto l'Accademia delle scienze cinese ha annunciato che i ricercatori del paese asiatico hanno selezionato 30 tra farmaci esistenti, sostanze naturali biologicamente attive e medicine tradizionali cinesi per testarne la possibile efficacia contro il coronavirus. I 30 candidati comprendono 12 farmaci anti-Hiv, due antivirali sviluppati contro il virus respiratorio sinciziale e persino un farmaco contro la schizofrenia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.