Navigation

Virus Cina: Pechino vieta commercio animali selvatici

La situazione in Cina è preoccupante a causa del coronavirus (foto rappresentativa) KEYSTONE/AP/NHG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2020 - 08:37
(Keystone-ATS)

La Cina ha annunciato un divieto temporaneo al commercio di animali selvatici mentre il Paese lotta per contenere l'epidemia di coronavirus che si ritiene sia stato generato in un mercato che vendeva animali selvatici come cibo.

L'allevamento, il trasporto o la vendita di tutte le specie di animali selvatici è vietato "dalla data dell'annuncio fino alla fine della situazione epidemica nazionale", si legge in una direttiva congiunta di tre agenzie di alto livello, tra cui il ministero dell'Agricoltura.

Nel frattempo il coronavirus non si ferma, anzi accelera il contagio e l'ultimo bollettino "di guerra" parla di 56 morti e quasi duemila contagiati.

C'è una prima vittima a Shanghai e una delle maggiori piazze finanziarie mondiali trema per il possibile contagio con 40 casi accertati. Dopo Pechino, Tianjin, Xi'an e la provincia di Shandong hanno proclamato lo stop dei mezzi pubblici a lunga percorrenza.

La città cinese di Shantou ha invece ribaltato stamani un precedente annuncio in cui le autorità affermavano che sarebbe stata isolata come parte degli sforzi per controllare la diffusione del coronavirus.

Le autorità adesso precisano che il trasporto pubblico sarà temporaneamente sospeso, ma che "non avrebbero limitato l'accesso dei veicoli" o delle persone. La decisione, per la quale non è stata data nessuna spiegazione, giunge a poche ore dall'annuncio in cui le autorità affermavano che l'ingresso nella città di 5,6 milioni di persone, a 1'100 chilometri a sud di Wuhan, l'epicentro dell'epidemia, sarebbe stato vietato.

Chiude anche Disneyland Hong Kong, gli americani avviano l'evacuazione dei propri connazionali, mentre la Peugeot quella del proprio staff.

Intanto c'è un primo caso anche in Canada. Si tratta di un uomo sui 50 anni che ha viaggiato nella città cinese di Whuan e che ora si trova in ospedale a Toronto. Si attende la conferma dagli ulteriori esami.

Il presidente Xi Jinping ha ammesso che la situazione è "grave" e l'epidemia "accelera". Ma assicura: "Ce la faremo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.