Navigation

Virus Cina: Trump valuta sospensione di tutti i voli

Il presidente statunitense Donald Trump KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 08:09
(Keystone-ATS)

La Casa Bianca ha comunicato a tutte le compagne aeree che sta considerando di sospendere tutti i voli da e per la Cina di fronte all'escalation dell'emergenza coronavirus. "Non si esclude nulla", ha detto il ministro della sanità Alex Azar.

Nella notte è decollato da Whuan, in Cina, un aereo che ha riportato a casa i cittadini americani. Il volo è atterrato poco fa in Alaska, con oltre 200 persone a bordo. Lo riporta la Cnn. Sul sito FlightAware si vede il velivolo della Kalitta Air circondato da diverse persone bardate con le tute protettive. Dopo il rifornimento l'aereo ripartirà una base militare in California. Inizialmente sarebbe dovuto atterrare in un aeroporto civile ma questa notte le autorità Usa hanno comunicato la nuova destinazione.

Sempre nel corso della notte è atterrato all'aeroporto Haneda di Tokyo il primo volo charter organizzato dal governo giapponese per far rientrare i connazionali dalla città cinese, epicentro del coronavirus.

Il Boeing 767 trasportava circa 200 cittadini giapponesi, nessuno dei quali - riferisce il ministero degli Esteri nipponico - presentava sintomi di contagio dalla malattia.

Personale medico si trovava a bordo dell'aereo e ai passeggeri a cui non sono state riscontrate anomalie verrà chiesto di restare a casa per un periodo di due settimane, rimanendo in contatto con le autorità sanitarie nel caso di irregolarità.

In base ai dati del ministero degli Esteri giapponese, sono circa 650 i residenti nipponici nella provincia dell'Hubei che hanno fatto richiesta di rientrare in patria. Un secondo charter sarà in partenza questa sera, ha annunciato una fonte dell'esecutivo, e ulteriori voli potrebbero essere messi a disposizione nel caso di necessità.

Oltre a personale medico, il primo volo diretto a Wuhan trasportava mascherine e vestiti protettivi come richiesto dalle autorità cinesi. Fino ad oggi i casi ufficiali di contagio del corona virus in Giappone sono sette.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.