Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La 46esima edizione del Festival del film documentario Visions du Réel, in programma fino a domani a Nyon (VD), ha assegnato il premio principale, dotato di 20'000 franchi, a "Homeland (Iraq Year Zero)" di Abbas Fahdel, un film di sei ore.

Erano in competizione 166 filmati da 54 paesi. Alla manifestazione sono giunti 35'000 spettatori, a fronte dei 34'000 dell'anno precedente.

La pellicola di Abbas Fahdel, che non si sa se arriverà mai nelle sale cinematografiche, è "un'opera fondamentale per avere una chiave di comprensione della storia e del presente del Medio Oriente", ha detto il direttore della manifestazione, Luciano Berisone. Il lungo filmato che ha vinto il "sesterzo d'oro" mostra una famiglia irachena prima e dopo le operazioni militari degli Stati Uniti nel 2003.

Il "sesterzo d'argento", premio di 10'000 franchi, è andato alla coproduzione siro-libanese "Coma" di Sara Fattahi.

Dal canto suo "Imagine Waking Up Tomorrow And Music Has Disappeared" di Stefan Schwietert è stato ritenuto il miglior film svizzero di tutte le categorie e premiato con 15'000 franchi .

"Une jeunesse allemande" di Jean-Gabriel Périot ha ricevuto una distinzione da 10'000 franchi quale lungometraggio svizzero più innovatore. Una menzione speciale è andata anche a "Horizons" di Eileen Hofer e "Totally Lies" di Robin Mognetti.

Visions du Réel, alla 25esima edizione con la denominazione attuale - attribuisce i premi sotto forma di sesterzi d'oro e d'argento, in ricordo alle origini romane della cittadina ospite della manifestazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS