Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La ministra degli esteri argentina Susana Malcorra con il suo omologo svizzero Didier Burkhalter

Keystone/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il consigliere federale Didier Burkhalter ha ricevuto oggi a Berna la ministra degli esteri argentina Susana Malcorra.

Al centro della visita la volontà di consolidare la cooperazione tra i due Paesi. I due capi della diplomazia hanno inoltre deciso di avviare un dialogo bilaterale sulla lotta contro la corruzione.

L'Argentina, che nel 2018 presiederà il G20, è particolarmente impegnata in questo ambito, indica in una nota odierna il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Un nuovo capitolo nelle relazioni tra Berna e Buenos Aires è iniziato lo scorso anno con un incontro a Davos (GR) tra i presidenti dei due Paesi, seguito poi nel maggio del 2016 dalla visita di Burkhalter nella capitale sudamericana.

In quell'occasione, i due ministri degli affari esteri avevano firmato una dichiarazione congiunta che "ha posto le basi per un approfondimento e un ampliamento della cooperazione bilaterale", precisa ancora il DFAE.

Dopo il rilancio in settembre della commissione economica mista sulla promozione del commercio e degli investimenti, in novembre è stata firmata dai due Paesi una dichiarazione comune per introdurre lo scambio automatico delle informazioni in materia fiscale.

L'incontro odierno alla casa von Wattenwyl di Berna tra Burkhalter e Malcorra ha rappresentato l'occasione per analizzare temi e progetti in cui Argentina e Svizzera possono cooperare in modo più stretto: in particolare, la riduzione dei rischi in caso di catastrofi naturali, gli impegni assunti dalle imprese attive nel campo dell'estrazione e del commercio di materie prime o, ancora, la promozione dei diritti umani e la prevenzione dell'estremismo violento, sottolinea il DFAE.

Oltre a temi per cui Svizzera e Argentina si impegnano insieme già da lungo tempo, quali l'analisi del passato storico del paese sudamericano e la prevenzione di atrocità e genocidi, i due ministri hanno discusso pure del possibile appoggio agli sforzi elvetici volti a rafforzare il sistema e i metodi di lavoro dell'ONU. Tale argomento è ben conosciuto dalla ministra Malcorra, che ha lavorato per diversi anni in posizioni chiave presso le Nazioni Unite, precisa il DFAE.

Dal canto suo, Burkhalter si è congratulato con l'Argentina per la presidenza del G20, che assumerà nel 2018. La Confederazione, ha rilevato il capo della diplomazia svizzera, è pronta, come piazza finanziaria e attore economico importante, a mettere a disposizione la propria competenza al forum delle potenze mondiali.

Va, infine, ricordato come gli Stati dell'Associazione europea di libero scambio (tra cui la Svizzera) e quelli del Mercosur (tra cui l'Argentina) abbiano firmato, giovedì scorso a Davos, una dichiarazione congiunta che sancisce la fine delle discussioni esplorative in vista della conclusione di un accordo di libero scambio. Ciò dovrebbe consentire di sviluppare il commercio tra i membri delle due organizzazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS