Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le vittime di infarto diventano sempre più giovani e con sempre più fattori di rischio, dall'obesità al diabete. Lo afferma uno studio della Cleveland Clinic che sarà presentato al meeting dell'American College of Cardiology.

I ricercatori hanno esaminato oltre 3900 pazienti trattati per la forma più grave di infarto tra il 1995 e il 2014. L'età media dei pazienti è diminuita nei vent'anni considerati da 64 a 60 anni, mentre la prevalenza dell'obesità tra i fattori di rischio è aumentata dal 31% al 40%. Anche il tasso di diabete è risultato più alto, dal 24 al 31%, mentre l'ipertensione è passata dal 55% al 77%.

In generale, notano gli autori dello studio, la proporzione di chi ha più di tre fattori di rischio per l'infarto è passata dal 65% all'85%. "Se sul fronte delle terapie abbiamo fatto grandi passi avanti in 20 anni - sottolinea Samir Kapadia, uno degli autori - molto c'è da fare su quello della prevenzione. Durante le visite di controllo bisogna insistere di più con i pazienti per un corretto stile di vita".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS