Navigation

Von der Leyen: dobbiamo lasciare ai posteri un'Ue più forte

Secondo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen bisogna lasciare ai posteri una UE più forte di quella ereditata. KEYSTONE/AP/OLIVIER MATTHYS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2019 - 15:29
(Keystone-ATS)

In occasione della cerimonia per i 10 anni del Trattato di Lisbona, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che bisogna lasciare ai posteri una UE più forte di quella ereditata.

"Abbiamo la responsabilità di lasciare un'Unione più forte di quella che abbiamo ereditato. Questo luogo mostra il tesoro che abbiamo ereditato: un continente in pace con diritti, libertà, mercato unico, con opportunità economiche senza precedenti ed è nostro dovere preservare questo tesoro" ha detto von der Leyen durante la cerimonia tenutasi nel museo Casa della storia europea di Bruxelles.

"Credo che non potrebbe esserci un giorno migliore per iniziare a lavorare che questo anniversario. Siamo i guardiani dei trattati e in un certo senso i custodi dello spirito di Lisbona", ha aggiunto von der Leyen alla sua prima uscita pubblica da presidente in carica del nuovo esecutivo comunitario.

L'Europa non è solo un tesoro ereditato, "è una promessa, futuro, qualcosa che dobbiamo costruire mattone dopo mattone, giorno dopo giorno", ha dichiarato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.