Navigation

Votazioni: Zurigo, sì a box per prostituzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2012 - 16:25
(Keystone-ATS)

Nella città di Zurigo saranno allestiti box per la prostituzione. Gli aventi diritto di voto hanno accolto oggi il credito di 2,4 milioni di franchi con il 52,6% di "sì". Si tratta di una prima a livello svizzero.

Il credito comprende 2,395 milioni per la sistemazione dell'area e la realizzazione di dieci box, una specie di garage aperti, su un terreno comunale lungo l'autostrada A1 nel quartiere di Altstätten, e 92'480 franchi annui di affitto per dieci anni. In seguito sulla superficie in questione è prevista la costruzione di un deposito per i tram.

I clienti potranno entrare nei box con le loro auto. Sul posto saranno a disposizione anche gabinetti e un consultorio per le prostitute. I costi di gestione, manutenzione e sicurezza sono stimati a 270'000 franchi all'anno.

Il progetto era stato approvato in settembre dal consiglio comunale con 74 voti contro 30. L'UDC aveva però lanciato il referendum, sostenendo che la prostituzione è una questione privata per la quale non vanno spesi fondi pubblici.

Con la creazione dei box, come già esistono in Germania e Olanda, le autorità reagiscono alla situazione insostenibile creatasi in città, in particolare con la prostituzione in strada lungo il Sihlquai, tra la stazione centrale e Zurigo ovest. La prostituzione in questo luogo sarà vietata, mentre in altre zone dovrebbe diminuire fortemente. Contro i box sono ancora pendenti tre ricorsi.

L'affluenza alle urne è stata del 41,8%. Nel quartiere di Altstätten il credito è stato affossato dal 64% della popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?