Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - I fautori dell'abbassamento del tasso di conversione LPP, che sarà sottoposto al voto popolare il 7 marzo, hanno di che preoccuparsi: stando ad un sondaggio svolto dall'istituto Demoscope, se lo scrutinio si fosse svolto domenica scorsa gli oppositori avrebbero raggiunto il 40% delle preferenze. Resta tuttavia ancora alta la percentuale di indecisi (39%).
Solo il 12% delle persone interrogate si sono dichiarate favorevoli ad un'adattamento delle rendite, indicano oggi in un comunicato l'Unione sindacale svizzera e Unia, committenti del sondaggio. Il "no" si impone presso i simpatizzanti di tutte le correnti politiche: raggiunge il 49% fra quelli del PSS, il 46% dei Verdi, il 42% del PPD, il 41% dell'UDC e il 40% del PLR.
Quanto agli indecisi, sono in maggioranza francofoni: raggiungono il 48% in Romandia, contro un 36% in Svizzera tedesca. Si tratta inoltre soprattutto di donne (44%, contro un 32% di uomini) e di giovani di meno di 35 anni (51%). I giovani sono fautori del "no" nella misura del 24%, contro un 8% di "sì".
Da notare che l'inchiesta è stata svolta tra il 25 gennaio e il 1 febbraio su 1002 persone, nessuna delle quali domiciliata in Ticino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS