SCHÖNBÜHL - I delegati del Partito borghese democratico, riuniti oggi in congresso a Schönbühl (BE), hanno approvato la modifica della legge sulla previdenza professionale, tema in votazione il 7 marzo, che prevede una riduzione del cosiddetto tasso di conversione e quindi un taglio delle rendite della cassa pensione.
A favore della riforma si è espressa in particolare la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf: "se non modifichiamo il tasso di conversione, si creerà uno squilibrio tra entrate e uscite nei conti delle casse, con il rischio di mettere in pericolo la sicurezza delle rendite e la stabilità della previdenza". I 122 delegati hanno seguito la raccomandazioni della ministra di giustizia a grande maggioranza.
In merito agli altri due temi in votazione il 7 marzo, il congresso ha detto "sì" all'articolo costituzionale concernente la ricerca sull'essere umano, mentre ha respinto l'iniziativa popolare per una migliore protezione giuridica degli animali.
I lavori sono stati aperti dal presidente del PBD Hans Grunder, il quale ha sottolineato come il partito svolga un ruolo sempre più importante sulla scena politica federale. Il gruppo borghese-democratico alle Camere federali conta solo sei membri, ma le piccole formazioni - ha spiegato Grunder - possono costituire l'ago della bilancia, in particolare in sede di commissioni parlamentari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.