Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La maggiore età politica deve restare a 18 anni. Con 15 voti a 8, la commissione delle istituzioni politiche del Nazionale non ha voluto dar seguito a un'iniziativa parlamentare di Lisa Mazzone (Verdi/GE) che chiedeva di abbassarla a 16.

Nella sua proposta, la deputata ginevrina portava l'esempio austriaco, dove i giovani di 16 e 17 anni hanno fatto registrare un tasso di partecipazione alle votazioni del 2010 più alto dei 23-25enni. Mazzone voleva inoltre controbilanciare l'effetto dell'invecchiamento della popolazione.

La commissione fa in particolare notare che concedendo i diritti politici ai minori di 18 anni, la maggiore età civile e politica non coinciderebbero più. Un 17enne membro di un esecutivo comunale non potrebbe per esempio più firmare un contratto per il suo Comune. Sono inoltre stati espressi dubbi sulla reale diffusione dell'interesse per la politica tra i giovani in questa fascia di età.

SDA-ATS