Navigation

Voto Gb: Labour, Clive Lewis secondo candidato a dopo Corbyn

Si delineano i possibili successori di Corbyn. KEYSTONE/AP PA/STEFAN ROUSSEAU sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2019 - 20:44
(Keystone-ATS)

È Clive Lewis, 48 anni, deputato della sinistra interna, il secondo candidato ufficiale nella corsa alla successione a Jeremy Corbyn per la leadership laburista che scatterà formalmente il mese prossimo dopo la disfatta elettorale del 12 dicembre.

Lo ha annunciato lui stesso al Guardian, aggiungendosi alla ministra ombra degli Esteri in carica, Emily Thornberry, scesa in campo ieri, e anticipando altri pretendenti dati quasi per certi come Rebecca Long-Bailey, Keir Starmer, Lisa Nandy o Jess Phillips.

Lewis è stato uno dei primi sostenitori di Corbyn e ha ricoperto gli incarichi di titolare della Difesa e poi dell'Industria nel suo governo ombra. Ma in seguito si è dimesso, per le sue posizioni più nettamente anti-Brexit, e si è defilato rispetto al leader uscente.

È considerato uno degli esponenti più carismatici, moderni e fra i migliori comunicatori della sinistra laburista. Se vincesse, impedirebbe a una donna di diventare per la prima volta leader del Labour, ma sarebbe il primo nero al vertice d'un grande partito britannico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.