Navigation

Voto Gb: platea Bbc incalza Johnson su razzismo e bugie

I telespettatori hanno messo sotto pressione Boris Johnson KEYSTONE/AP BBC/JEFF OVERS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2019 - 08:13
(Keystone-ATS)

E' stato un Boris Johnson messo sotto pressione, a tratti all'angolo, quello che ieri sera ha chiuso il confronto elettorale in vista delle elezioni del 12 dicembre nel botta e risposta con la platea di spettatori del programma Question Time, sulla Bbc.

Il premier Tory ha avuto il vantaggio di entrare in scena nell'ultima mezz'ora, e di poter replicare ai rivali intervenuti prima (Jeremy Corbyn, Nicola Sturgeon e Jo Swinson), ma è stato incalzato su temi scomodi dalla platea, che ha lasciato poco spazio per le sue promesse sulla Brexit.

Un interlocutore gli ha rinfacciato di dire bugie, altri sue vecchie affermazioni anti-islamiche. Risate sarcastiche quando egli ha risposto rivendicando il valore della "verità" in politica o ha promesso "tolleranza zero contro l'islamofobia" e il razzismo. Critiche anche sulla crisi della sanità pubblica e sul rinvio di un rapporto sui sospetti di presunte interferenze russe nella democrazia britannica rispetto alle quali ha detto peraltro non esservi "alcuna prova".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.