Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Vallese è stata promossa un'iniziativa popolare per uno Stato laico, che chiede la separazione chiara e netta dalle Chiese. I suoi promotori, che si pongono sulla scia di quanto avvenuto nei cantoni di Ginevra e Neuchâtel, hanno un anno di tempo per raccogliere le 6000 firme necessarie.

Lo Stato deve occuparsi dei cittadini, la Chiesa dei fedeli, affermano gli autori dell'iniziativa, secondo i quali occorre una separazione senza equivoci. "Ma uno Stato laico non è uno Stato antireligioso", hanno sottolineato oggi in una conferenza stampa Barbara Lanthemann e Valentin Abgottspon, co-presiedenti dell'Associazione in favore dell'iniziativa popolare cantonale vallesana.

In concreto, il Vallese non dovrà più imporre a tutti i contribuenti di farsi carico del finanziamento delle:due Chiese riconosciute; inoltre dovrà lasciare alle sole Chiese e non alle scuole pubbliche l'organizzazione dei corsi di religione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS