Navigation

VS: niente fusione fra comprensori sciistici

Niente da fare: la fusione fra gli impianti sciistici vallesani di Champéry e Morgins non avrà luogo. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2019 - 10:16
(Keystone-ATS)

Niente da fare: la fusione fra gli impianti sciistici vallesani di Champéry e Morgins non avrà luogo. Gli azionisti di TéleChampéry-Les Crosets si sono opposti ieri sera, a Val-d'Illiez, all'unione con Portes du Soleil Suisse (PDS-CH).

A causa delle numerose astensioni, il voto non ha raggiunto la maggioranza dei due terzi necessaria. Giovedì gli azionisti di PDS-CH avevano invece dato via libera all'unanimità.

Il presidente del consiglio d'amministrazione di TéleChampéry, Pierre-Marie Fornage, si rammarica della scelta, che va contro un discorso di sviluppo fatto di fronte a popolazione ed autorità. Molte questioni restano ora aperte, come il prestito di 4 milioni concesso a TéleChampéry dal Vallese, si legge in un comunicato.

Il progetto di fusione era voluto per affrontare meglio le sfide che si presentano in ambito economico e turistico. L'idea era stata accolta positivamente dalle autorità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.