Navigation

VS: tragedia Sierre, rimpatriate ultime bambine ferite

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2012 - 17:43
(Keystone-ATS)

Sono state rimpatriate in Belgio oggi le tre ragazzine ricoverate all'ospedale universitario (CHUV) di Losanna dopo essere rimaste ferite nel tragico incidente avvenuto il 13 marzo a Sierre (VS). Lo indica il nosocomio vodese in un comunicato. Intanto oggi a Lovanio, in Belgio, si sono celebrati i funerali di sette bambini morti nello schianto.

Dopo una settimana trascorsa nel reparto di cure intensive, lo stato, in particolare neurologico, delle bambine si è stabilizzato al punto da permettere questa mattina un rimpatrio con un aereo ambulanza della Rega, rileva l'ospedale. "Il trasporto si è svolto in modo perfetto" e le ragazzine sono state affidate alle équipe mediche di Lovanio.

Intanto oggi sono stati celebrati nella chiesa di San Pietro a Lovanio, a una cinquantina di chilometri ad est di Bruxelles, i funerali di altri sette bambini provenienti dalla scuola di Sint-Lambertus morti nell'incidente.

Come già ieri a Lommel, dove sono state celebrate le esequie degli altri bambini morti nello schianto del pullman contro il muro della galleria vallesana (22 in tutto più sei adulti), alla cerimonia sono intervenute migliaia di persone e numerose personalità, tra cui il re del Belgio Alberto II, la regina Paola e il premier Elio Di Rupo. Per la Svizzera era presente il consigliere federale Didier Burkhalter e una delegazione di autorità e di rappresentanti dei servizi di salvataggio vallesani.

Una grande commozione ha accompagnato anche oggi la funzione funebre. Contrariamente a Lommel, che aveva scelto ieri di rendere un omaggio laico alle vittime dell'incidente, oggi Lovanio ha optato per una messa di funerale tradizionale, senza discorsi e senza musicisti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?