Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'UDC del Vallese romando non si opporrà alla legge sull'accoglienza dei richiedenti l'asilo, approvata lo scorso aprile dal Gran consiglio. Il partito annuncia di aver rinunciato a promuovere una nuova iniziativa sull'argomento. Non lancerà nemmeno un referendum.

"Dopo aver analizzato la legge a mente fredda riteniamo che essa permetta di raggiungere i nostri obiettivi", scrive il partito, rallegrandosi per il fatto che il Cantone "dovrà ascoltare il comune in cui è prevista la creazione di una struttura di accoglienza prima di firmare il contratto d'affitto e ciò anche nelle situazioni di emergenza". Rileva pure con soddisfazione che le autorità cantonali dovranno varare una pianificazione dei centri destinati ai richiedenti l'asilo.

La sezione romanda rinuncia di conseguenza a lanciare un referendum contro la legge e a riunire le firme per l'annunciata iniziativa che chiedeva l'introduzione del diritto per i comuni di essere consultati nelle questioni riguardanti l'asilo.

Lo scorso aprile, l'UDC del Vallese romando era stata l'unica componente del Gran consiglio a respingere la legge, varata in seguito ad un'iniziativa presentata dal partito nel 2012. Il testo era stato approvato dal Gran consiglio a larga maggioranza. Esso prevede di informare i comuni almeno tre mesi prima dell'apertura di un centro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS