Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Accusato di falsità in documenti e di truffa in ambito fiscale, il viticoltore vallesano Dominique Giroud è stato processato oggi in sua assenza a Sion. Il Ministero pubblico vallesano ha chiesto una pena pecuniaria con la sospensione condizionale, nonché una multa.

Dispensato dal presentarsi al dibattimento svoltosi davanti al Tribunale di Sion, il negoziante di vini è stato rappresentato da tre avvocati. Il Ministero pubblico vallesano e l'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) rimproverano al vallesano di aver omesso di versare circa 300'000 franchi all'IVA per gli esercizi dal 2007 al 2009 della società Giroud Vins SA.

Nel periodo in questione, il viticoltore ha diminuito il giro d'affari dell'azienda vinicola per complessivi 5,8 milioni di franchi (IVA compresa) tramite tredici fatture false, allestite dallo stesso Giroud e intestate ad altre ditte.

Nel frattempo, il viticoltore ha rimborsato all'IVA la somma in causa, più gli interessi cumulati, ma l'infrazione permane. Oggi l'accusa ha chiesto contro Giroud 180 aliquote giornaliere di 120 franchi l'una, sospese per tre anni, nonché il pagamento di una multa di 6600 franchi, una pena identica a quella inflitta dal Servizio penale dell'IVA.

I legali di Giroud, dal canto loro, hanno evocato una violazione del principio "ne bis in idem", secondo cui chi è stato condannato o assolto con decisione passata in giudicato non può essere nuovamente perseguito per lo stesso reato. Hanno ricordato che il loro assistito è già stato condannato nel canton Vaud nel luglio 2014 per violazione della legge sull'imposta federale diretta (IDF) a 180 aliquote giornaliere di 300 franchi, sospese per due anni. Il vallesano aveva fornito alle autorità fiscali bilanci truccati per il periodo 2005-2009.

Secondo il Ministero pubblico vallesano e l'AFC, le infrazioni contro l'IFD punite nel canton Vaud e le infrazioni commesse nei riguardi dell'IVA richiedono procedimenti separati e devono essere giudicate da autorità distinte.

Inoltre - hanno argomentato - Dominique Giroud non è mai stato giudicato per le false fatture da lui redatte, né per la sottrazione commessa nei riguardi dell'IVA. La sentenza del Tribunale di Sion sarà nota la prossima settimana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS