Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

STRASBURGO - Affermare che il modello europeo "ha completamente fallito è decisamente sbagliato". Lo ha affermato il commissario Ue ai Trasporti Siim Kallas, difendendo l'azione europea per fronteggiare la crisi del trasporto aereo durante un dibattito straordinario all'Europarlamento nel quale ha ribadito, con la presidenza di turno Ue, che la sicurezza rimane "la priorità assoluta" sulla quale non si "possono accettare compromessi".
Kallas e il segretario di stato spagnolo Diego Lopez Garrigo hanno sottolineato come questo tipo di crisi non rientri nelle competenze dell'Unione europea. "Non è stato facile agire da parte dell'Ue", ha ammesso il rappresentante del governo di Madrid, mentre il commissario Ue ha sottolineato come la competenze per affrontare una situazione così "straordinaria" è degli organismi indipendenti. "Non è la Commissione che dà ordini", ha precisato Kallas, secondo il quale le indicazioni messe a punto ieri nella riunione straordinaria dei ministri dei Trasporti Ue sono "adeguate per la ripresa di gran parte dei voli".

SDA-ATS