Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I ricercatori Ue hanno misurato solo le emissioni delle auto, non i motori cui non avevano accesso, scoprendo gas in laboratorio diversi da quelli su strada: una cosa nota che ha portato la Ue a introdurre test su strada dal 2016.

Lo dice un portavoce della Commissione ricordando che spetta agli Stati, non a Bruxelles, verificare software incriminati come quello di Volkswagen.

"Il team di ricerca della Commissione Ue ha misurato le emissioni e scoperto che i test di laboratorio non catturano accuratamente la quantità di gas nocivi emessi durante la guida su strada e ha fornito sostegno vitale agli sforzi della Commissione per introdurre i test su strada", spiega il portavoce.

"Questa differenza nei test sulle emissioni sono cosa nota. Identificare l'uso potenziale di applicazioni ingannevoli non è mai stato parte di questi studi e non sarebbe nemmeno stato possibile visto che i ricercatori non avevano accesso ai motori, ma venivano misurati sono i gas di emissione", ha precisato.

La Commissione, prosegue, ha quindi seguito le ricerche scientifiche e iniziato immediatamente a lavorare sull'introduzione dei test su strada. Ed è stato fatto lavorando con gli esperti nazionali e le commissioni tecniche nazionali da maggio di quest'anno, affinché i test su strada possano essere avviati da gennaio 2016.

"È importante capire che la Commissione stabilisce il quadro regolatorio ma non è un organo incaricato all'attuazione. Sono le autorità degli Stati membri a dover agire sul campo. Quindi non è questione che compete alla Commissione", conclude il portavoce.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS