Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le imprese zurighesi Walter Meier e Tobler Haustechnik stanno progettando una fusione. L'operazione, che darà vita ad un'azienda leader in svizzera nel settore della tecnologia degli edifici, causerà però una perdita di 100-120 posti di lavoro.

Walter Meier, gruppo di Schwerzenbach attivo nelle tecniche di climatizzazione e di produzione, conta attualmente 774 collaboratori e un fatturato annuale di circa 240 milioni di franchi. Il gruppo Tobler, commerciante all'ingrosso di soluzioni domotiche con sede a Urdorf, occupa 700 persone e attesta un giro d'affari di circa 330 milioni.

La fusione mira a mantenere nel tempo circa 1400 posti di lavoro, sostiene Tobler in un comunicato odierno. A corto termine si dovrà però aspettarsi la soppressione di impieghi per l'eliminazione dei doppioni, essi equivalgono a circa l'8% degli effettivi totali, precisa l'azienda.

L'operazione dovrebbe concretizzarsi nei prossimi mesi e il gruppo entrerà, con un nuovo nome, a far parte del mercato ad inizio 2018.

La fusione è prevista con un rapporto 1 a 1. Walter Meier prevede un aumento di capitale ma non un raddoppio delle azioni. Per coprire la differenza è previsto un versamento di 117,8 milioni di franchi all'azienda britannica Woleseley, che controlla Tobler.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS