Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'esercito svizzero è già al lavoro in vista del prossimo Forum economico mondiale (WEF) di Davos, in programma dal 21 al 24 gennaio. Questa settimana i primi militari hanno iniziato la loro attività a sostegno del Canton Grigioni, fa sapere in un comunicato il Dipartimento federale della difesa (DDPS).

Attualmente svolgono il loro impiego a livello nazionale circa 400 militari. Sono impegnati nei lavori di preparazione e di allestimento nell'ambito delle misure di sicurezza, della logistica e dell'aiuto alla condotta. In totale nel momento di massimo bisogno i militari saranno circa tremila. I due terzi forniranno appoggio al servizio di volo delle Forze aeree.

Per la prima volta le personalità importanti del Forum quest'anno atterreranno a Dübendorf (ZH) e saranno trasportate a Davos in elicottero. Ciò significa anche che per la prima volta presso l'aerodromo militare di Dübendorf verranno svolti controlli delle persone secondo le direttive di Schengen come pure operazioni doganali.

A Davos in occasione del WEF vengono impiegati soltanto i soldati di professione della polizia militare per la protezione delle persone e i controlli d'accesso, oltre ai militari che si occupano dello svolgimento di altri compiti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS