Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Piccola detonazione senza conseguenze stamane nel sottosuolo dell'albergo di lusso Morosani Posthotel a Davos, la località grigionese dove si svolge il World Economic Forum (WEF): vi sono stati lievi danni, ma nessuno è rimasto ferito, ha indicato all'ATS il portavoce della polizia grigionese Thomas Hobi. L'attentato è stato rivendicato da un gruppo di oppositori al WEF di estrema sinistra.

Nell'albergo non soggiornano membri del governo elvetico, contrariamente a quanto era stato indicato in un primo momento. "La sicurezza dei consiglieri federali non è stata messa in questione in alcun momento", ha affermato Thomas Abegglen della Cancelleria federale.

La detonazione è avvenuta poco dopo le nove in un ripostiglio del sottosuolo e ha mandato in frantumi un paio di vetri di finestre, oltre a sprigionare del fumo. Le indagini sono svolte dal Ministero pubblico della Confederazione, come sempre avviene quando sono in gioco esplosivi. Stando ai primi accertamenti a causare la detonazione è stato un ordigno pirotecnico, ha indicato André Kraske, portavoce del governo grigionese.

Secondo fonti di stampa, al Posthotel alloggia la delegazione dell'UBS con il Ceo Oswald Grübel, mentre i consiglieri federali presenti al forum di Davos - Micheline Calmy-Rey, Eveline Widmer-Schlumpf, Doris Leuthard e Johann Schneider-Ammann - pernottano allo Schweizerhof, che pure appartiene alla famiglia Morosani. Entrambi gli alberghi sono situati sulla Promenade, la strada centrale di Davos. I consiglieri federali avevano soggiornato al Posthotel in anni passati.

"Abbiamo attaccato gli hotel Morosani a Davos con pirotecnica e zucchero. In questi alberghi sono alloggiati i consiglieri federali e i rappresentanti dell'UBS", afferma sul portale informativo noglobal switzerland.indymedia.org un sedicente gruppo che si autodefinisce "Prospettiva rivoluzionaria".

Nella rivendicazione si precisa che sono stati deposti "due ordigni pirotecnici" e che i timer sono stati "volutamente regolati a giovedì alle 6 di mattina" per "non mettere in pericolo i dipendenti". Verosimilmente con scarsa perizia, visto che la detonazione è avvenuta tre ore dopo.

Il gruppo afferma inoltre di aver "integrato il serbatoio della nafta dell'hotel con dello zucchero". Tuttavia il riscaldamento continua a funzionare normalmente e le riunioni previste hanno potuto tenersi senza intoppi, ha indicato la reception. Il direttore dell'albergo non ha voluto esprimersi sulla vicenda.

A portare l'ordigno pirotecnico nell'hotel è stato verosimilmente lo stesso gruppo che ha rivendicato l'"attacco" di ieri all'università di San Gallo, definita una scuola dei quadri del capitale. Anche in questo caso il gruppo si è mostrato poco professionale. Probabilmente pensando di avere a che fare con una sede appartenente all'università, i maldestri attentatori hanno preso di mira un ufficio della compagnia assicurativa Helvetia: la polizia ha trovato un oggetto fissato con nastro adesivo a una finestra dell'ufficio, dopo aver evacuato lo stabile.

Gli attivisti anti WEF che hanno rivendicato l'attentato di Davos hanno ammesso l'errore a San Gallo, rilevando tuttavia che anche l'assicuratore Helvetia "non è un bersaglio sbagliato": la compagnia "ha annunciato nel primo semestre 2010 un utile di 157 milioni di franchi" mentre "molti lavoratori e lavoratrici non sono più in grado di pagare la propria assicurazione malattia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS