Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La disuguaglianza cresce nel mondo. Bastano i primi 8 Paperoni del pianeta per fare la ricchezza dei 3,6 miliardi più poveri. Il rapporto Oxfam - la ong britannica attenta all'economia sociale - conferma che l'1% dei più facoltosi possiede quanto il restante 99%.

E lancia l'allarme: in un contesto di crescenti contrasti la ricchezza cumulata da un'esigua minoranza di super ricchi sta crescendo a dismisura tanto che tra 25 anni potremmo trovarsi di fronte al primo ''trillionario'', con una ricchezza superiore ai 1.000 miliardi di dollari.

Il rapporto aggiorna i dati della disuguaglianza in occasione dell'appuntamento del World Economic Forum che vede i potenti del mondo riuniti a Davos, nella cittadina del cantone dei Grigioni nota per la sua ''montagna incantata'' raccontata da Thomas Mann. Viene così accompagnato da una petizione rivolta ai governi. Del resto il quadro che ne emerge non registra miglioramenti.

Basti pensare che nel mondo 7 persone su 10 vivono in Paesi dove la disuguaglianza è aumentata. Non c'è da meravigliarsi visto che tra il 1988 e il 2011 l'aumento medio dell'1% più ricco della popolazione mondiale è stato di 11'800 dollari, 182 volte di più dell'aumento del 10% più povero, pari a 65 dollari, è stato di meno di 3 dollari l'anno.

Il reddito è una buona unità di misura anche per altre disuguaglianze. Oxfam ha calcolato che, con i trend attuali, serviranno 170 anni affinché le donne possano raggiungere lo stesso livello retributivo degli uomini. Altri dati: basterebbe recuperare l'elusione fiscale delle grandi multinazionali per mandare a scuola 124 milioni di bambini.

Per questo Oxfam ha lanciato una petizione al popolo di Davos per chiedere un intervento dei governi per una economia umana. Otto i punti richiesti: politiche per arginare la concentrazione di ricchezza; stop alla concorrenza fiscale al ribasso; sostegno a modelli di business non orientati solo a massimizzare il profitto; incoraggiamento di innovazioni tecnologiche a vantaggio di tutti; una transizione verso l'uso di energie rinnovabili; la promozione dello sviluppo in base anche ad indicatori relativi al benessere dei cittadini e non solo del Pil.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS