Navigation

Wikileaks: respinta richiesta cauzione Assange

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 dicembre 2010 - 16:33
(Keystone-ATS)

LONDRA - Julian Assange non esce su cauzione, resta in custodia cautelare fino al 14 dicembre data in cui il giudice di Westminster ha fissato una nuova udienza sul caso. Oggi il capo di Wikileaks aveva detto in aula che si sarebbe battuto contro la richiesta di estradizione, dopo che la magistratura svedese aveva emesso nei suoi confronti un mandato di arresto europeo per per due accuse di molestie sessuali e una di stupro.
Il giudice distrettuale Howard Riddle ha respinto la cauzione giudicando Assange a rischio di fuga. Il magistrato non ha accolto le garanzie offerte dal regista Ken Loach, dalla ex fidanzata di Hugh Grant Jemima Kahn e dal celebre giornalista John Pilger.
Assange si era consegnato questa mattina a Scotland Yard ed era poi giunto in tribunale a bordo di un'auto dai vetri oscurati. Mark Stephens, il legale britannico che lo rappresenta è entrato in tribunale passando davanti alle decine di giornalisti assiepati all'ingresso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.