Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattro giovani sono stati arrestati in relazione all'uccisione di un uomo di 53 anni - conosciuto nella regione con l'appellativo di "papa della canapa" - che è sta ritrovato senza vita lo scorso 7 maggio nel suo appartamento a Winterthur (ZH). Le persone fermate sono un cittadino turco di 17 anni, un iraniano di 21 anni e due svizzeri di 17 e 19 anni.

I giovani arrestati sono tutti residenti nella regione di Winterthur, ha reso noto oggi la polizia cantonale. Due di loro sono stati arrestati dopo che si sono presentati spontaneamente tre giorni fa davanti al Ministero pubblico, accompagnati dai rispettivi avvocati, ed hanno fatto dichiarazioni relative al delitto. Gli altri due sono stati rintracciati successivamente.

Il possibile movente, i suoi retroscena, come pure il coinvolgimento delle persone fermate rimangono poco chiari e sono tuttora oggetto di indagini, precisa la polizia nella nota. Per tutti e quattro è stata chiesta la detenzione preventiva.

Il 53enne è stato ritrovato senza vita da una conoscente che gli ha fatto visita mercoledì sera della scorsa settimana. La vittima aveva ferite alla testa. Secondo vari media, si tratta di un personaggio attivo dagli anni '90 nel commercio di prodotti derivati dalla canapa che nel 2010 si era pure candidato per un seggio nel municipio di Winterthur.

SDA-ATS