Navigation

Wto: Russia, ok accordo con Georgia per aderire, mediazione svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2011 - 09:26
(Keystone-ATS)

La Russia ha accettato un accordo con la Georgia, sotto la mediazione della Svizzera, che apre le porte all'entrata di Mosca nell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto), dopo diciotto anni di negoziati. Lo hanno confermato in serata responsabili georgiani e russi.

"I russi hanno accettato la proposta svizzera, non abbiamo dettagli su ciò, ma sembra che l'accordo sia stato raggiunto", ha dichiarato all'Afp il ministro aggiunto degli Esteri georgiano Sergi Kapanadze.

La Georgia, ex repubblica sovietica, in qualità di Stato membro aveva opposto un suo veto all'entrata della Russia, fino alla scorsa settimana, quando ha poi accettato una "proposta finale" della Svizzera.

"Siamo felici che la Georgia alla fine abbia deciso così e che sia stato raggiunto un accordo", ha dichiarato il negoziatore russo Maxim Medvedkov. Nessun commento è arrivato finora dal premier Vladimir Putin.

Con l'entrata di Mosca nel Wto, che dovrebbe avvenire entro i prossimi mesi, la Russia diventerà il più esteso Paese tra i 153 stati membri dell'organizzazione. La Russia può contare su un'economia pari a 1,9 trillioni di dollari Usa in grado di attrarre maggiori investimenti e ciò la integrerà sempre di più nell'economia mondiale, due decenni dopo la caduta dell'Unione sovietica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?