Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 10 persone sono rimaste uccise negli scontri avvenuti durante la notte nella città yemenita di Taiz tra ribelli sciiti seguaci dell'imam Abdel Malek al Houthi e le forze fedeli al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi in esilio.

Lo riferiscono fonti mediche e locali, secondo le quali altri combattimenti si sono verificati nella città di Dhalea, nonostante la tregua umanitaria di cinque giorni iniziata martedì scorso per consentire la distribuzione di aiuti a milioni di persone in tutto il paese.

La fine del cessate il fuoco è prevista per domani, lo stesso giorno in cui dovrebbe svolgersi a Riad una conferenza sul dialogo nazionale yemenita indetta dal presidente Hadi a inizio mese.

I ribelli sciiti e i miliziani fedeli all'ex presidente Ali Abdullah Saleh hanno già annunciato che non prenderanno parte all'incontro. Alcune figure politiche del partito di Saleh, il Congresso nazionale popolare, hanno tuttavua abbandonato l'ex presidente nei giorni scorsi per giurare fedeltà al governo di Hadi.

In un comunicato emesso ieri gli ex compagni di Saleh hanno invitato l'ex capo dello stato a lasciare la guida del partito, confermando la loro partecipazione ai colloqui di Riad.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS