Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 5 guardie sono state uccise in un attacco attribuito ad al-Qaida contro il Palazzo presidenziale a Sana'a. Lo ha reso noto la sicurezza precisando che "uomini armati hanno attaccato un posto di guardia", uccidendo 5 agenti e catturandone altri. Il capo dello stato yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi non era nell'edificio.

Testimoni e fonti della sicurezza hanno riportato che l'attacco è stato seguito da scontri tra gli assalitori e la guardia presidenziale durati più di 20 minuti. Almeno tre terroristi sono stati uccisi.

Ieri sera le forze di sicurezza avevano ucciso vicino al Palazzo presidenziale Shaif Mohamed Said al-Shabwani, "uno dei membri di al-Qaida più pericolosi e ricercati", secondo il portavoce dell'Alto comitato per la sicurezza.

L'esercito ha lanciato il 29 aprile un'operazione per eliminare al-Qaida e le sue roccaforti nella provincia di Shabwa e di Abyaneh, nel sud dello Yemen.

SDA-ATS