Navigation

Yemen: città di Taiz in mano oppositori

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2011 - 12:51
(Keystone-ATS)

La città meridionale yemenita di Taiz, a sud di Sanaa, è nelle mani dell'opposizione armata al regime del presidente Ali Abdallah Saleh. Lo ha detto oggi uno capo tribale yemenita, Hammoud Said al-Mekhlafi.

Situata a 270 chilometri a sud-ovest della capitale Sanaa, Taiz - seconda città dello Yemen - è stata teatro di scontri tra la Guardia repubblicana, corpo d'elite fedele al regime, e miliziani che sostegono di proteggere i manifestanti.

Secondo le Nazioni Unite, il 30 maggio scorso, in Piazza della Libertà a Taiz, oltre una cinquantina di manifestanti sono stati uccisi durante lo smantellamento di un sit-in di opposizione al presidente Saleh.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?