Navigation

Yemen: elezioni presidenziali il 21 febbraio 2012

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2011 - 20:07
(Keystone-ATS)

Le elezioni presidenziali in Yemen sono state anticipate al 21 febbraio 2012. Lo ha deciso il vicepresidente, come riferisce l'agenzia di stato Saba.

Il decreto è stato firmato dal vice presidente Abd Rabbo Mansur Hadi, al quale il presidente Ali Abdullah Saleh ha trasmesso i poteri. Le presidenziali erano state previste inizialmente nel 2013. La data del 21 febbraio coincide con la fine del periodo di transizione di 90 giorni scattato dopo la firma a Riad, il 23 novembre scorso, da parte di Saleh, al piano messo a punto dalle monarchie arabe del Golfo, dopo 10 mesi di proteste di piazza.

Saleh, 69 anni di cui 33 trascorsi al potere, è il quarto capo di stato arabo costretto alle dimissioni dalla protesta popolare seguita alla cosiddetta 'Primavera araba', dopo i suoi omologhi tunisino, egiziano e libico. Saleh è però il primo leader arabo a lasciare il potere in seguito ad un accordo negoziato.

L'accordo prevede l'uscita di scena in cambio dell'immunità personale e per il suo entourage. In base agli accordi, Hadi dovrà formare un governo di unità nazionale con l'opposizione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?