Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Ci uniamo ai membri del Consiglio di Sicurezza nel sostegno al presidente Hadi, il presidente legittimo dello Yemen. È urgente riprendere i negoziati sotto l'egida Onu e invitare tutte le parti al dialogo.

Solo la formazione di un governo di unità nazionale sotto la presidenza Hadi renderà possibile la finalizzazione della transizione, eviterà il collasso economico e l'aggravarsi della crisi umanitaria". Così il comunicato finale dei ministri degli Esteri del G7 "profondamente preoccupati" dagli sviluppi in Yemen.

Le sanzioni alla Russia "non sono un obiettivo in sé: la loro durata dovrebbe essere chiaramente legata all'implementazione completa della Russia degli accordi di Minsk e al rispetto della sovranità dell'Ucraina", aggiunge la nota apprezzando comunque "i primi passi fatti". "Ci aspettiamo che la Russia prenda misure effettive contro il sostegno transfrontaliero ai ribelli separatisti. Continueremo a monitorare da vicino la situazione", aggiungono i Sette.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS