Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sulla scia delle rivolte in Tunisia e Egitto, migliaia di persone sono scese in strada oggi a Sanaa e in altre città dello Yemen per sostenere la richiesta di dimissioni del presidente Ali Abdullah Saleh avanzata dall'opposizione.

Nella capitale, dove la protesta è iniziata già alcuni giorni fa, almeno diecimila persone si sono radunate stamani davanti all'università, e in molti hanno urlato in coro slogan come: "Il presidente tunisino se ne è andato dopo 20 anni, 30 nello Yemen sono sufficienti".

Il presidente Ali Abdallah Saleh, di fatto al potere da 32 anni, è stato rieletto nel settembre 2006 per un nuovo mandato che terminerà nel 2013.

Sempre a Sanaa si è poi formato in una zona del centro anche un altro corteo, a cui hanno aderito alcune migliaia di persone.

Fonti di stampa riferiscono che manifestazioni hanno avuto luogo oggi anche nelle città di Aden e Taiz, mentre l'opposizione ha minacciato di organizzare iniziative simili anche in altri governatorati.

A Taiz, come a Sanaa e Aden, i manifestanti oltre che contro Saleh, scandiscono slogan anche contro la corruzione nella pubblica amministrazione e contro il governo, con riferimenti espliciti alla situazione in Tunisia.

Un giornalista locale ha riferito allo Yemen Times che le manifestazioni ad Aden sono iniziate da alcuni giorni e si svolgono quasi sempre di notte, affinchè sia più difficile fotografare i manifestanti che a più riprese hanno lanciato sassi contro le forze di sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS