Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BEIRUT - Ci sono anche cittadini francesi, un americano e un britannico tra i cinquanta presunti membri di al-Qaida arrestati in Yemen nei mesi scorsi. Lo riferiscono fonti della sicurezza di Sana'a citate oggi dalla stampa panaraba.
Il quotidiano "al-Hayat", edito a Londra e di proprietà saudita, precisa che tra i francesi arrestati, di cui non si conosce però l'esatto numero, c'è un giovane di nome Jeremy Witter di 24 anni. Stando alla foto del passaporto di Witter pubblicata dal giornale panarabo, il documento d'identità è stato rilasciato dal consolato francese del Cairo. Assieme a lui figurerebbero anche un cittadino americano e un britannico, oltre a numerosi "africani", entrati illegalmente nello Yemen.
Le autorità di Sana'a, sempre secondo il giornale, avrebbero compiuto gli arresti nei mesi scorsi subito dopo l'allarme scatenato dal fallito attentato sul volo Delta di Natale, attribuito a un terrorista che si sarebbe formato alla scuola di al-Qaida nello Yemen. Gran parte dei presunti terroristi arrestati - informa "al-Hayat" - erano nello Yemen come "studenti di lingua araba".
Intanto in mattinata due civili sono rimasti uccisi e decine feriti in seguito a bombardamenti dell'esercito governativo contro la località meridionale di Daleh, una delle roccaforti del movimento separatista del sud.

SDA-ATS