Navigation

Yemen: svizzera rapita, falliti sforzi per liberazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2012 - 15:17
(Keystone-ATS)

Gli sforzi per ottenere il rilascio della donna svizzera rapita due settimane fa nello Yemen sono finora falliti a causa delle richieste dei rapitori.

Questi ultimi - riconducibili ad al-Qaida - chiedono in particolare la liberazione da parte del Pakistan delle vedove di Osama bin Laden, fra le quali figura una yemenita, e un riscatto di cinquanta milioni di euro. Lo ha reso noto un mediatore tribale all'agenzia di stampa AFP.

La donna svizzera, prelevata il 14 marzo scorso dalla sua casa di Hodeida da uomini armati, lavorava nel paese come insegnante di lingue. Dopo il rapimento è stata condotta a Chabwa, nel sudest dello Yemen, dove la rete terroristica gode di molti appoggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?