Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nelle scuole dell'infanzia del canton Zugo si potrà parlare il dialetto svizzero tedesco, ma senza costrizioni. I votanti hanno respinto un'iniziativa dell'UDC per l'uso esclusivo del dialetto e dato la preferenza a un controprogetto.

Il controprogetto, che era sostenuto dal PPD, dal PS, dai Verdi e dai Verdi-liberali, ha ottenuto i favori del 62,48% dei votanti (20'582 voti favorevoli e 12'359 contrari). Questa variante prevede la possibilità di utilizzare la lingua vernacolare all'asilo. A partire dalle elementari il ricorso al "buon tedesco" sarà invece obbligatorio.

L'iniziativa - respinta con il 60,39% di "no" (13'338 voti favorevoli e 20'335 contrari) - chiedeva da parte sua l'uso esclusivo del dialetto svizzero tedesco nelle scuole dell'infanzia, come pure per alcune materie del ciclo primario e secondario (educazione fisica, musica e lavori manuali).

Il dialetto nella scuola dell'infanzia è diventato nella Svizzera tedesca un cavallo di battaglia dell'UDC, che ha lanciato iniziative in vari cantoni. L'uso esclusivo dello "schwyzerdütsch" all'asilo è già realtà nei cantoni di Zurigo e Argovia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS