Navigation

ZG: per vendetta pubblica mail amante, licenziati entrambi

Sono numerose le mail piccanti fatte pervenire a centinaia di destinatari. KEYSTONE/DPA/MICHAEL KAPPELER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2019 - 12:54
(Keystone-ATS)

Uno scandalo amoroso culminato con la pubblicazione, per vendetta, di numerose email inviate reciprocamente da due amanti ormai ai ferri corti ha scosso in questi giorni la polizia cantonale di Zugo.

I due - un ufficiale e una dipendente delle forze dell'ordine - sono stati licenziati in tronco e nei loro confronti è stata avviata un'inchiesta.

La notizia, pubblicata oggi da diverse testate del gruppo CH Media e dal Blick, è stata confermata a grandi linee dalla polizia cantonale. All'origine della vicenda vi è la relazione, finora segreta, tra una dipendente e l'uomo - "un alto graduato" stando alla stampa. Quest'ultimo avrebbe messo fine al rapporto e la donna, per rabbia e frustrazione, ha inviato ieri verso mezzogiorno dal suo conto di posta elettronica professionale numerose mail dal contenuto a dir poco intimo a centinaia di indirizzi tra cui altri membri della polizia, rappresentanti delle autorità e giornalisti.

La polizia cantonale ha confermato che le mail sono state spedite a nome dell'impiegata, non si esclude tuttavia del tutto la possibilità dell'intervento di una terza persona. Per questo motivo sui fatti è stata avviata l'indagine. Le mail scottanti riguardano la presunta relazione amorosa con l'ufficiale di polizia come pure presunte molestie e atti di stalking da parte dell'uomo.

La polizia di Zugo precisa che nei messaggi resi pubblici vi sono tuttavia anche dati confidenziali, ad esempio estratti del libro operativo della polizia di Zugo, che sottostanno al segreto d'ufficio. Per questo motivo è stata avviata un'inchiesta penale, che verrà condotta da un altro corpo di polizia, ha indicato all'agenzia Keystone-ATS la portavoce delle autorità giudiziarie del canton Zugo Sandra Peier.

Mentre l'intera vicenda viene passata sotto la lente, il comandante della polizia cantonale di Zugo ha già adottato misure di carattere personale nei confronti dei due amanti, licenziando entrambi in tronco. Il governo cantonale e l'ufficio del procuratore generale del Cantone di Zugo sono stati informati del caso e delle misure adottate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.